Secondo la legge di bilancio n. 160 del 27/12/2019, a partire dal 1° gennaio 2020 sarà possibile detrarre il 19% delle spese mediche solo se il versamento viene effettuato con una modalità di pagamento tracciabile (bancomat, carta di credito, bonifico, assegno, etc.).

Dalla dichiarazione dei redditi 2021 non sarà più possibile detrarre le spese sanitarie pagate in contanti sostenute nel 2020.

L’obbligo di pagamento con metodi tracciabili non è applicabile alle spese per farmaci, dispositivi medici e per le prestazioni effettuate in strutture pubbliche o private accreditate con il SSN; in questo caso sarà ancora possibile detrarre tali spese anche se pagate in contanti.

Negli ultimi mesi il parlamento ha discusso la possibilità di rinviare l’obbligo sui pagamenti tracciabili per le spese sanitarie al 1° aprile 2020, tuttavia sembra che per il momento la moratoria sia saltata in quanto l’emendamento governativo non è stato presentato col decreto Milleproroghe in commissione Finanze e Bilancio.

Si consiglia quindi agli operatori sanitari non convenzionati con il SSN di avvisare i propri pazienti di questa nuova disposizione sulla tracciabilità delle spese sanitarie, cercando di incentivare i pagamenti con POS e bonifico.

Per approfondimenti riportiamo l’articolo di Money.it:
https://www.money.it/spese-sanitarie-visite-farmaci-2020-come-pagare-detrazioni-carta-bancomat-contanti


Sei un poliambulatorio, un medico privato, un dentista o un fisioterapista e hai bisogno di un software per fatturare le prestazioni mediche e inviarle al Sistema TS per il 730 elettronico?

Prova DBMedica, il gestionale medico che ti permette di generare ed inviare le fatture al Sistema TS in modo semplice e affidabile. Scopri le funzionalità del nostro software o richiedi subito una dimostrazione gratuita.