Obbligo POS medici e dentisti 2020

Il decreto legge n. 124 del 26/10/2019 aveva previsto a decorrere dal 1° Luglio 2020 sanzioni pari a 30 euro, aumentate del 4% dell’importo della transazione, ove una qualsiasi attività commerciale si fosse rifiutata di accettare un pagamento tramite POS.

L’obbligo includeva quindi tutti gli operatori sanitari a partire dal singolo medico, dentista o fisioterapista fino al grande poliambulatorio.

Tuttavia queste sanzioni sono state abrogate con la Legge di conversione n. 157 del 19/12/2019 in quanto non si è ancora raggiunto un accordo per la riduzione dei costi delle transazioni.

Attualmente rimane quindi in vigore la normativa del 2013: il possesso del POS è obbligatorio ma se l’operatore sanitario non lo possiede non incorre in sanzioni, motivo per cui molti professionisti hanno deciso di non adeguarsi per risparmiare sui costi di gestione.

Teniamo comunque ad evidenziare che dal 1° Luglio sarà possibile fare richiesta per il Bonus POS, un credito di imposta del 30% sulle spese del POS riservato a imprese e professionisti con ricavi o compensi inferiori ai 400.000 euro nell’anno fiscale precedente.

Ricordiamo inoltre che una delle novità più importanti di quest’anno per gli operatori sanitari riguarda la detraibilità dalla dichiarazione dei redditi delle sole spese mediche tracciate.

A decorrere dal 1° gennaio 2020, infatti, i pazienti non potranno più detrarre le prestazioni sanitarie pagate in contanti se queste sono erogate da medici privati o strutture sanitarie non accreditate con il SSN.

Prevediamo che in base alle nuove norme i pazienti chiederanno sempre di più di poter pagare tramite strumenti tracciabili e in particolar modo attraverso POS con carta di credito e Bancomat.

Per approfondimenti rimandiamo all’articolo di repubblica:
https://www.repubblica.it/economia/2020/06/27/news/tetto_contanti_pagamenti_pos_professionisti-260313281/


Sei un medico privato, un dentista o un fisioterapista e hai bisogno di un software che ti permetta di gestire correttamente gli incassi dei tuoi pazienti?

Il Gestionale DBMedica aiuta i professionisti sanitari a gestire i pagamenti tramite POS e ad imputare correttamente la spesa del paziente come detraibile attraverso l’invio delle fatture direttamente al Sistema Tessera Sanitaria.

Detrazione spese mediche 2020 – Novità Sistema TS

Secondo la legge di bilancio n. 160 del 27/12/2019, a partire dal 1° gennaio 2020 sarà possibile detrarre il 19% delle spese mediche solo se il versamento viene effettuato con una modalità di pagamento tracciabile (bancomat, carta di credito, bonifico, assegno, etc.).

Dalla dichiarazione dei redditi 2021 non sarà più possibile detrarre le spese sanitarie pagate in contanti sostenute nel 2020.

L’obbligo di pagamento con metodi tracciabili non è applicabile alle spese per farmaci, dispositivi medici e per le prestazioni effettuate in strutture pubbliche o private accreditate con il SSN; in questo caso sarà ancora possibile detrarre tali spese anche se pagate in contanti.

Negli ultimi mesi il parlamento ha discusso la possibilità di rinviare l’obbligo sui pagamenti tracciabili per le spese sanitarie al 1° aprile 2020, tuttavia sembra che per il momento la moratoria sia saltata in quanto l’emendamento governativo non è stato presentato col decreto Milleproroghe in commissione Finanze e Bilancio.

Si consiglia quindi agli operatori sanitari non convenzionati con il SSN di avvisare i propri pazienti di questa nuova disposizione sulla tracciabilità delle spese sanitarie, cercando di incentivare i pagamenti con POS e bonifico.

Novità invio telematico al sistema TS per il 2020

Per adempiere ai nuovi termini di legge sulla tracciabilità sui pagamenti dei servizi sanitari, per l’invio dell’anno 2020 con scadenza 31 gennaio 2021 è prevista una modifica all’invio telematico verso il sistema TS.

Ai soliti dati dovrà essere aggiunto il nuovo campo “pagamentoTracciato” che servirà a specificare la tracciabilità dei pagamenti effettuati per le prestazioni sanitarie.

Utilizzando il vecchio formato di invio al 730 elettronico si riceverà infatti l’avviso “IL DOCUMENTO SARA’ CONSIDERATO PAGATO IN CONTANTI”, rendendo non detraibile la spesa del paziente, anche se quest’ultimo ha effettuato un pagamento tracciabile.

Il nostro gestionale medico DBMedica è già pronto e aggiornato per effettuare l’invio al sistema TS per l’anno 2020 secondo le ultime normative, contattaci per maggiori informazioni senza impegno.


Per approfondimenti riportiamo l’articolo di Money.it:
https://www.money.it/spese-sanitarie-visite-farmaci-2020-come-pagare-detrazioni-carta-bancomat-contanti


Sei un poliambulatorio, un medico privato, un dentista o un fisioterapista e hai bisogno di un software per fatturare le prestazioni mediche e inviarle al Sistema TS per il 730 elettronico?

Prova DBMedica, il gestionale medico che ti permette di generare ed inviare le fatture al Sistema TS in modo semplice e affidabile. Scopri le funzionalità del nostro software o richiedi subito una dimostrazione gratuita.